News

01/06/2016

Settant’anni dopo il voto alle donne nella Costituente, CGIL, CISL e UIL, la Fondazione Pastore, la Fondazione Di Vittorio e la Fondazione Buozzi,  hanno organizzato il convegno 2 giugno 1946 la Costituente e il voto alle donne. 70 anni tra storia lavoro e diritti.

Il referendum istituzionale del 2-3 giugno 1946 sancì la nascita della Repubblica italiana, chiamando per la prima volta al voto le donne, e nominò i componenti dell’Assemblea costituente. Giorni di grande partecipazione popolare vissuti senza alcuna tensione nonostante il Paese fosse diviso su una scelta decisiva per il suo futuro. La Cgil unitaria fu parte di questa assunzione di responsabilità che segnò uno dei momenti più alti di condivisione tra il Paese reale e le istituzioni in formazione. I lavori della Costituente e la stessa Carta costituzionale confermarono il ruolo decisivo del sindacato e delle associazioni negli assetti della democrazia repubblicana.Settant’anni dopo, Cgil Cisl e Uil organizzano un momento di riflessione che richiama il clima di quei giorni e riafferma la necessità oggi di rigenerare gli spazi della cittadinanza politica, sociale ed economica, rimuovendo ogni discriminazione e ogni esclusione per un progresso non solo economico, ma anche umano e culturale.

Ha presieduto e introdotto i lavori:

Aldo CARERA, presidente della Fondazione Giulio Pastore, ordinario di Storia economica - Facoltà di Economia, Direttore dell'Archivio per la storia del movimento sociale cattolico in Italia "Mario Romani", dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano;

sono intervenuti:

Gloria CHIANESE, Storica, Rosa RUSSO IERVOLINO, già Ministro dell’Interno, già Sindaco di Napoli, Stefano MARINELLI, Delegato sindacale, Raffaella GALASSO, Delegata sindacale, Nadia URBINATI, Docente di Teoria Politica, Columbia University, Lorenzo ORNAGHI, Presidente ASERI Alta Scuola di Economia e Relazioni Internazionali, Università Cattolica del Sacro Cuore,Susanna CAMUSSO, Segretaria Generale Cgil Annamaria FURLAN, Segretaria Generale Cisl Carmelo BARBAGALLO, Segretario Generale Uil;

ha moderato il dibattito: Dania MONDINI, Giornalista Rai.

 

LINK e approfondimenti:

10 marzo 1946 la prima volta delle donne al voto  ;http://www.labortv.it/component/hwdvideoshare/viewvideo/3763/avvenimenti/10-marzo-1946-la-prima-volta-delle-donne-al-voto.html

RAI STORIA, 2 giugno 1946: nascita della Repubblica http://www.raistoria.rai.it/articoli/2-giugno-1946-nascita-della-repubblica/25029/default.aspx ;

Il ricordo delle donne al voto: https://youtu.be/VAZwkA0SoXM

Storia della Repubblica Italiana, Immagini della Repubblica: banca dati digitale di documenti di propaganda politica dei primi anni della Repubblica presenti in Umbria http://irep.altervista.org/index.php?it/9/elezioni-politiche-e-referendum-2-giugno-1946 ;

AAMOD (Archivio audiovisivo del movimento operaio e democratico), "Senza rossetto" http://www.aamod.it/archivio-file-e-notizie-recenti/senza-rossetto

 

 

20/05/2016

Convegno organizzato in collaborazione con la FNP Cisl Pensionati e con l’Archivio per la storia del movimento sociale cattolico in Italia «Mario Romani», il 20 maggio all'Università Cattolica di Milano

Interverranno:

Domenico Bodega, preside della Facoltà di Economia e professore ordinario di Organizzazione aziendale nell’Università Cattolica del Sacro Cuore

Attilio Rimoldi, segretario nazionale FNP-CISL per le politiche socio-sanitarie

Giuseppe Guzzetti, presidente Fondazione Cariplo

Pietro Antonio Varesi, professore ordinario di Diritto del lavoro nell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza

Gianfranco Cerea, professore ordinario di Scienza delle finanze nell’Università degli Studi di Trento

Alessandro Candido, assegnista di ricerca in Diritto pubblico nell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza e professore a contratto nell’Università degli Studi di Firenze

Egidio Riva, ricercatore di Sociologia dei processi economici, del lavoro, dell’ambiente e del territorio nell’Università Cattolica del Sacro Cuore

Presiede e modera

Aldo Carera, presidente della Fondazione Giulio Pastore, professore ordinario di Storia economica nell’Università Cattolica del Sacro Cuore

Conclude i lavori

Ermenegildo Bonfanti, segretario generale FNP-CISL

In occasione del Convegno sarà presentato il testo a cura di E. Riva, Ripensare le politiche per la non autosufficienza. Liberare e qualificare il potenziale del neo-mutualismo, Il Mulino, 2015.

28/04/2016

Care amiche, cari amici,

a partire dalle dichiarazioni dei redditi 2016 è prevista una specifica sezione per destinare il 2x1000 dell’imposta alle associazioni culturali riconosciute.

La Fondazione Pastore invita a non perdere questa possibilità di sostenere un’istituzione dedita ai temi del sindacato e del lavoro.

Basta inserire il nostro CF 80086490580 nell’apposito riquadro.

È comunque possibile destinare alla FGP anche il 5x1000 segnando il CF nel riquadro in alto a sinistra (sostegno al volontariato e alle fondazioni riconosciute, art. 10 D.lgs.n.460/1997).

Aldo Carera

 

 

 

28/04/2016

"La storia economica in Italia: radici e metodo" è il titolo del terzo seminario del ciclo «Mario Romani. Dottrina, magistero, formazione. A quarant'anni dalla scomparsa.»

L'appuntamento è per mercoledì 17 maggio 2016 presso Aula Maria Immacolata ore 15.00, Università Cattolica del Sacro Cuore, Largo A. Gemelli n.1, Milano. 

Il seminario, promosso dalla  FGP, dalla Facoltà di Economia, e dall’Archivio per la storia del movimento sociale cattolico in Italia «Mario Romani», prende spunto dal numero monografico della rivista  «Storia economica» dedicato a Le radici della Storia economica in Italia. La costruzione di un metodo, a cura di Luigi De Matteo, Alberto Guenzi e Paolo Pecorari.

All'incontro, moderato da Gianpiero Fumi, Università Cattolica del Sacro Cuore, interverranno: Aldo Carera, direttore dell'Archivio «Mario Romani», presidente della Fondazione Giulio Pastore, Renè Leboutte, University of Luxembourg, Francesco Dandolo, Università degli Studi di Napoli "L'Orientale", Luca Mocarelli, Università degli Studi Milano-Bicocca.

 

11/04/2016

Il Consiglio di amministrazione della Fondazione Giulio Pastore nel pomeriggio di venerdì 8 aprile ha riconfermato alla presidenza il professor Aldo Carera e alla vicepresidenza il dottor Pierciro Galeone per il prossimo quadriennio.

La proposta di riproporre  la presidenza uscente è stata formulata dai soci fondatori nella persona di Enzo Scotti, di Alberto Pastore in rappresentanza degli eredi del primo segretario della Cisl, e di Annamaria Furlan in rappresentanza della Confederazione. Ottenuto, come da statuto, il gradimento del presidente dell'Associazione amici della FGP, Marco Romani, il Cda ha all'unanimità completato la procedura di nomina.

Nel quadriennio 2012-2016 il presidente Carera  ha portato a compimento una sostanziale ristrutturazione organizzativa e gestionale puntando su una struttura più agile e su una importante riduzione dei costi. Il che ha consentito di rinforzare i rapporti con i soci  sul piano della ricerca e degli studi e di rilanciare il ruolo della Fondazione come consulente delle strutture associate nella gestione dei loro patrimoni archivistici e bibliotecari. Nel corso del 2015 la Fondazione ha ripreso la collaborazione con diverse strutture Cisl sul piano della formazione e ha consolidato la propria competenza nella predisposizione di bilanci sociali  coerenti con le specifiche caratteristiche delle organizzazioni sindacali.

17/03/2016

E' in corso di svolgimento la settimana "Ispirati dagli Archivi 2016". Si tratta di un'iniziativa promossa dall'Associazione Nazionale Archivistica Italiana (ANAI). Sei giorni, dal 14 al 19 marzo 2016, d'iniziative per ricordare l’importanza degli archivi e della corretta gestione della documentazione.
"Senza gli archivi perdiamo il patrimonio di documenti che costituisce la nostra storia e la nostra identità collettiva. Perdiamo la possibilità di imparare dal passato per progettare il presente e il futuro. Mettiamo a rischio la possibilità di avvalerci dei nostri diritti di cittadini, nella nostra quotidianità: nel rapporto con la pubblica amministrazione, in banca come clienti, dal medico come pazienti, nell’acquisto di beni e servizi come consumatori, sul posto di lavoro". Si legge nel sito della manifestazione:  http://new.archivisti2016.it 

"Gli archivi sono patrimonio di tutti: documentano attività in corso, tutelano diritti, trasmettono la memoria. Gli archivi sono ovunque e sono rappresentativi di una molteplicità di contesti sia pubblici sia privati: pubblica amministrazione, enti locali, ospedali, scuole, istituzioni militari, tribunali, imprese, famiglie…
Scopo degli archivi e del lavoro degli archivisti, all’interno di  una comunità, è di evitare che questa ricchezza venga persa". 

 

17/03/2016

"Lavoro e rappresentanza del lavoro" è il titolo del secondo seminario del ciclo “Ripensare il lavoro, ritrovare il lavoro. Valori, norme, interessi”. L'appuntamento è per lunedì 21 marzo 2016 presso Aula degli Atti accademici Pio XI ore 15.00, Università Cattolica del Sacro Cuore, Largo A. Gemelli n.1, Milano. I seminari sono promossi dalla Facoltà di Economia e dall’Archivio per la storia del movimento sociale cattolico in Italia «Mario Romani».

All'incontro, moderato da ALDO CARERA, presidente della Fondazione Giulio Pastore, ordinario di Storia economica, Università Cattolica del Sacro Cuore, presidente di BiblioLavoro, interverranno: GIAN PRIMO CELLA, emerito di Sociologia economica, Università degli Studi di Milano, FAUSTA GUARRIELLO, ordinario di Diritto del lavoro, Università “G. D’Annunzio” di Chieti-Pescara, associazione “Amici della FGP”, LUCIANO PERO, docente di Organizzazione, MIP Graduate school of business, Politecnico di Milano.

Leggi il programma. 

 

03/03/2016

Ripensare il lavoro, ritrovare il lavoro. Valori, norme, interessi” è il titolo del ciclo di seminari promossi dalla Facoltà di Economia e dall’Archivio per la storia del movimento sociale cattolico in Italia «Mario Romani» dell’Università Cattolica di Milano. Gli incontri in programma sono quattro. Il primo seminario dal titolo “Lavoro e ricchezza” si svolgerà lunedì 7 marzo 2016, presso l’Aula degli Atti accademici Pio XI ore 15.00, Università Cattolica del Sacro Cuore, Largo A. Gemelli, 1, Milano.

Interverranno: DOMENICO BODEGA, Preside della Facoltà di Economia, Università Cattolica del Sacro Cuore; p. MARCO SALVIOLI o.p., docente di Teologia, Università Cattolica del Sacro Cuore; VERA NEGRI ZAMAGNI professore di Storia economica, Università degli Studi di Bologna; LORENZO CAPPELLARI, ordinario di Economia del lavoro, Università Cattolica del Sacro Cuore.

Coordina i lavori: DANIELA PARISI, ordinario di Storia del pensiero economico, Università Cattolica del Sacro Cuore.

Si allega il programma dell’intero ciclo di seminari.

29/02/2016

“QUALE WELFARE DOMANI?” è il titolo dell’iniziativa promossa dal Forum Nazionale del Terzo Settore riferita alla presentazione dei volumi: “Il Welfare di prossimità. Partecipazione attiva, inclusione sociale e comunità” a cura di Francesco Messia e Chiara Venturelli, e “Buono è giusto. Il Welfare che costruiremo insieme” di Johnny Dotti e Maurizio Regosa.

L’evento si terrà mercoledì 2 marzo 2016, alle ore 15.00 presso Roma Eventi - Fontana di Trevi", Sala Carducci, Piazza della Pilotta 4. Per partecipare è necessaria la registrazione, inviando mail a forum@forumterzosettore.it.

I lavori saranno introdotti da Pietro Barbieri, Portavoce del Forum Nazionale del Terzo Settore. Ne discutono: Sen. Nerina Dirindin, capogruppo PD Commissione Sanità; On. Donata Lenzi, capogruppo PD Commissione Affari Sociali; Raffaele Tangorra, Direttore Generale per l’inclusione e i diritti sociali al Ministero del Lavoro e Politiche Sociali, Rita Visini, assessore alle Politiche Sociali Regione Lazio; Stefano Tassinari, Coordinatore Consulta Welfare del Forum Terzo Settore; Carlo Borgomeo, Presidente Fondazione CON IL SUD; Giorgio Righetti, Direttore Generale Acri, Associazione di Fondazioni e Casse di Risparmio. E con gli autori dei volumi: Andrea Canevaro, Francesco Messia e Chiara Venturelli (curatori del libro); Johnny Dotti e Maurizio Regosa.

SCHEDE DEI VOLUMI:

- “Il Welfare di prossimità - Partecipazione attiva, inclusione sociale e comunità”. Nel quadro del dibattito attuale e urgente sulle forme alternative e praticabili di welfare, il volume raccoglie contributi provenienti da diverse esperienze e territori - una fattoria sociale, i servizi di collocamento mirato, le associazioni di volontariato, la cooperazione sociale, i servizi socio-sanitari - proponendo un cambiamento di paradigma culturale ed economico. Al centro viene messa la prossimità, che può diventare una soluzione per ottimizzare risorse e qualità della vita tramite nuove forme di scambio e collaborazioni che non si limitano a "tollerare" la diversità ma la valorizzano. Il welfare di prossimità, che già esiste, ha bisogno di essere perfezionato con le istituzioni esistenti, come sistema aperto capace di affrontare le sfide del futuro.

- “Buono è giusto. Il Welfare che costruiremo insieme”. Welfare non è un servizio, ma è una relazione. Avere cura degli altri è agire un modo di stare al mondo, è una dimensione umana che tocca alcuni snodi significativi: ospitalità, autorità, dovere, responsabilità. Ma negli anni il welfare è stato istituzionalizzato, perdendo il suo senso originario. "La mia porta è sempre aperta", ha detto papa Francesco. Aver chiuso la nostra porta, aver spostato tutto, in questi anni, verso l'istituzione è stato frutto di un processo culturale profondo, che ha comportato conseguenze altrettanto profonde. Occorre tornare a un'idea del welfare fondata sulla fiducia, sulla socialità, sulle idee di convivenza e cittadinanza. Questo libro avanza alcune proposte concrete e realizzabili ma soprattutto cerca di disegnare una visione comunitaria del welfare, nel suo necessario legame con la democrazia e la partecipazione.

25/11/2015

Venerdì 27 novembre 2015 a Milano si svolgerà il secondo incontro del ciclo seminariale "Mario Romani: dottrina, magistero, formazione. A quarant’anni dalla scomparsa". Questa volta il tema dedicato a "Una classe dirigente in formazione. Gli oratori e la gioventù cattolica nella Milano degli anni Trenta" prende appunto spunto da alcuni testi inediti sulla formazione di Mario Romani negli oratori milanesi negli anni Trenta. Relazioni e dibattito non mancheranno di dare suggerimenti per una riflessione estesa al percorso formativo di un’intera generazione di protagonisti del mondo cattolico nel secondo dopoguerra, non meno per considerazioni riportabili all’attualità.

Sono previste le relazioni di Guido Formigoni (Università IULM) e di Evelina Scaglia (Università degli studi di Bergamo). Presiederà i lavori Maria Bocci (Università Cattolica). È previsto l’intervento di mons. Pierantonio Tremolada, Vicario episcopale per l’Evangelizzazione e i Sacramenti della Diocesi ambrosiana. 

Venerdì 27 novembre 2015 - 14.30/17.30 presso Ambrosianeum - Via delle Ore, 3 – Milano

Leggi il programma

 

 

 

 

Pagine