Osbat Luciano. La formazione a distanza in Italia. Milano: Franco Angeli, c1986. 127 p. (Fondazione Giulio Pastore. Economia e sociologia del lavoro; 4).

La formazione a distanza è un sistema di formazione sempre più largamente utilizzato in tutti quei paesi che intendono l’istruzione e la formazione come uno degli investimenti fondamentali per lo sviluppo civile. In Italia la strada già aperta in passato dalle scuole per corrispondenza che offrivano corsi di formazione generale e di formazione professionale, oggi è percorsa da numerose sperimentazioni che cominciano ad utilizzare le risorse offerte dai mezzi tecnologici più moderni come la televisione e il computer. C’è una domanda di formazione a distanza in continua crescita che è espressa da persone che intendono in tal modo partecipare più intensamente alla vita della società contemporanea, di una società nella quale ciascuno è legittimato a fruire di quel patrimonio di conoscenze generali che sempre più la caratterizza e ad avere più consapevolezza del significato e delle caratteristiche del proprio lavoro e del sistema di relazione nel quale si inserisce.

Una risposta che può adeguarsi all’aumentata domanda di formazione è resa oggi possibile dall’utilizzazione delle risorse della tecnologia che consentono di integrare i testi a stampa e di arricchire il processo formativo sia quantitativamente che qualitativamente personalizzando l’itinerario formativo. La Fondazione Giulio Pastore ha completato una ricerca sull’offerta di formazione a distanza in Italia, ricerca promossa dal Cedefop (Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale) e relativa alla situazione emergente in Italia negli anni 1982-1985.